domenica 7 febbraio 2016

Review 9 giorni di Gilly MacMillan

Ciao, avid readers! In questi giorni mi sto dando alla lettura di thriller e 9 giorni rientra decisamente in questa categoria. L'autrice mi ha molto sorpresa! 



Editore: Newton Compton
Genere: Thriller 

Rachel Jenner è sconvolta e in preda al panico: suo figlio Ben, di soli otto anni, è scomparso, e lei non sa come affrontare questa tragedia. Inoltre, a peggiorare la situazione, ci sono gli obiettivi della stampa e le telecamere delle TV che seguono lo sviluppo del caso e le stanno con il fiato sul collo. È vero, ha commesso una leggerezza: ha perso per un attimo di vista Ben e lui è sparito e ora tutto il Paese pensa che lei sia una madre sprovveduta e vada condannata. Ma cosa è successo veramente in quel tragico pomeriggio? Stretta fra il dramma di aver perso il figlio, le sempre più serrate indagini della polizia e la pubblica gogna dei media, Rachel deve affrontare un’altra agghiacciante realtà: tutto quello che sa di sé e dei suoi cari si rivela una gigantesca bugia. E non c’è più nessuno, nemmeno nella sua famiglia, di cui la donna possa fidarsi. Il tempo stringe e forse il piccolo Ben potrebbe essere ancora salvato, ma l’opinione pubblica ha già deciso. E tu, da che parte starai?

Appena il libro uscì ne rimasi incuriosita, ma poi mi sono persa strada facendo ed è finito nel dimenticatoio. Per fortuna mi è tornata la voglia di leggerlo grazie alla vincita di un giveaway e per fortuna, aggiungerei, perché mi è piaciuto davvero molto!
Il libro parla della storia di due genitori, Rachel e John, sconvolti per la scomparsa del figlio di otto anni, Ben, e si ambienta tutto nell'arco di 9 giorni, giorni di terrore e complicazioni per questa famiglia. 
Rachel stava facendo una passeggiata con il figlio quando a tutto un tratto non riesce più a trovarlo. Sconvolta cerca l'aiuto di passanti, polizia, ma nessuno trova una traccia se non il cane del bimbo con una zampa rotta. Il rapimento è la strada più ovvia, però non riescono a trovare una pista e ognuno diventa un sospettato. 
Jim è il detective che si occupa del caso di Ben e la storia è raccontata anche dal suo punto di vista, per quanto riguarda le indagini, e gli incubi che lo perseguiteranno anche dopo che il caso sarà risolto. L'altro punto di vista che troviamo è quello di Rachel, la madre di Ben, e ogni suo capitolo è molto introspettivo. 
Quando incontriamo qualcuno per la prima volta, possiamo sforzarci di fare buona impressione, proporre la migliore immagine possibile di noi stessi, eppure può capitare che tutto vada orribilmente male lo stesso.
L'intera storia è profonda, l'autrice ha fatto molte ricerche per quanto riguarda bambini scomparsi e come si attivano le indagini, specialmente ha fatto riferimento ad una associazione che aiuta le famiglie dei bambini scomparsi, rapiti, vittime di tragedie e abusi. 
Durante il libro sorgono anche molte verità nascoste nella famiglia di Rachel, ogni persona è il possibile rapitore, ma ammetto che su questo lato della vicenda per me è stato quasi immediato scoprire di chi si trattava. 
Se noi non siamo chi pensiamo di essere, chi sono gli altri? Se le possibilità che gli estranei ci giudichino in modo errato sono così alte, come possiamo essere sicuri che il giudizio che noi diamo di loro sia in qualche modo coerente con la vera persona che è nascosta sotto la superficie?
L'autrice ha scritto una storia davvero ben studiata, programmata in ogni dettaglio e non ha lasciato nulla al caso, ha mostrato anche le opinioni pubbliche, l'invadenza dei media e quanto è facile incolpare la prima persona che capita sotto i riflettori, infamandola e facendo vivere nel terrore una persona già invasa dalla paura per il figlio. 
Il finale del libro è in qualche modo in sospeso, ci sono cose che mai verranno svelate, cose che si possono solo supporre e va bene così, perché è la stessa situazione in cui si ritrovano le famiglie nella vita reale, con una marea di dubbi e domande senza risposte. 
Il libro mi è piaciuto, ti tiene incollato alle pagine e vuoi sempre scoprire di più, i risvolti delle indagini, il colpevole, i moventi, ed è sicuramente un thriller diverso dai soliti a cui sono abituata, questo ti tocca nel profondo, perché quando ci sono di mezzo dei bambini è così che succede, il lettore si sente toccato nell'anima. 
Non è un libro per tutti, chi ama i thriller potrebbe benissimo apprezzarlo e lo stesso per chi si deve avvicinare al genere, ma se leggere di eventi in cui sono coinvolti i bambini vi turba (com'è giusto che sia), lasciate perdere. Quello che posso dirvi è che non descrive scene crude, dettagli traumatici, è comunque la storia di un bambino che vive una vicenda orribile, però proprio per questa caratteristica potrebbe anche essere adatto a chiunque, non vi resta che provare a leggerlo se ne siete incuriositi e volete un thriller dettagliato. 
Chi di voi ha letto questo libro? Cosa ne pensate?
Buona giornata, readers!

14 commenti:

  1. Sono davvero felice che ti sia piaciuto, avrebbe continuato a prendere la polvere a casa mia ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah è stato usato nel migliore dei modi e apprezzato <3

      Elimina
  2. Mi ispirava già ma prima, ma adesso sono davvero curiosa! :) Spero di riuscire a leggerlo, prima o poi! :)

    RispondiElimina
  3. non sono un amante dei thriller però mi hai incuriosita *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è molto carino e pesante da un lato per il tema bambini, ma dall'altro molto più leggero rispetto ad altri!

      Elimina
  4. Io sono sempre stata molto indecisa se leggere o no questo libro visti i pareri contrastanti in cui mi sono imbattuta. Non so se lo leggerò perché le vicende con i bambini appunto mi turbano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho ancora letto pareri, forse giusto due, mi sento sola ahah
      Infatti anche a me turba l'argomento bambini e se da un lato mi incuriosiva, dall'altro ero in ansia >.<

      Elimina
  5. Sinceramente non so se sono un'amante dei thriller o.ò non credo di averne letti molti o di averne proprio letti. Nel caso, terrò a mente la tua recensione. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho letti un po', ma questo in parte è uno dei più leggeri. Magari i suspense sono il genere giusto per iniziare ad addentrarsi nel mondo thriller =)

      Elimina
  6. Ciao avid! Ho questo libro in formato ebook che aspetta da un bel po' di essere letto! Sono felice che abbia riscosso una recensione positiva! :)

    RispondiElimina