lunedì 22 maggio 2017

Review Ruin me di Danielle Pearl

Ciao, avid readers! Dopo i molteplici commenti su questo libro la curiosità ha vinto e mi sono immersa in questo new adult. Segreti, egoismo, colpi di scena contornati da tanto romance sono gli ingredienti di questa storia, ma mi avrà conquistata? 


Serie: Something more
1. Ruin me
2. In pieces
Editore: DeAgostini
Genere: New adult

Libertà. Ecco che cos'ha sempre significato il college per Carl. Libertà da tutti gli errori del liceo. Libertà dai ricordi, dalle ferite, e dalla tragica notte che ha segnato la sua vita. Ma le cose non vanno proprio come si è immaginata. Una sera, durante una festa, Carl si ritrova faccia a faccia con il suo passato: il ragazzo che ama e odia con la stessa intensità. Quando Tucker si rende conto di essere intrappolato nello stesso college di Carl, i ricordi riaffiorano prepotenti. Non sono passati molti mesi da quando era pronto a consegnare il suo cuore a Carl. Per fortuna si era reso conto in tempo di che razza di persona fosse: una bugiarda manipolatrice. Eppure, mentre il cervello di Tucker grida di stare alla larga da Carl, il suo corpo non fa che desiderarla. Ogni giorno di più.

L'inizio di questo libro è interessante, sembra una storia leggera e con un amore in crisi, un amore giovane e totalizzante, il tipico amore che nasce dall'amicizia profonda di due migliori amici. I libri con questo tema mi sono sempre piaciuti, però è facile cadere nel banale e trovare mezzi scontati per mettere in crisi l'amore tra i personaggi, purtroppo negli anni ho letto tante storie davvero deludenti e altrettante interessanti, ma con Ruin me mi sono trovata di fronte a tutt'altri problemi. Una piccola precisazione che voglio fare è che questa duologia è lo spin off di una precedente, che narra degli amici di Carl e Tucker, ma questo non influenza la lettura. 
Carl e Tucker si conosco da anni, il loro rapporto si è evoluto e l'amore è stata la ovvia conseguenza ad una relazione sempre più stretta, ma qualcosa è andato per il verso sbagliato e il più delle volte i sentimenti non riescono a tenere unite due persone. Ora si ritrovano al primo anno di college, nello stesso identico college che avevano scelto, e Tucker non rende la vita di Carl semplice. Il problema è che il loro amore è così forte da attirarli sempre l'uno all'altra, a dispetto di tutto ciò che si è messo tra loro e dei segreti che Carl ha nascosto a Tucker. Tra tutti i personaggi Carl e Tucker mi sono piaciuti come protagonisti, tra loro non mancava nulla ma è stato il contesto a infastidirmi, alcune scelte dell'autrice alla lunga non le ho apprezzate, benché lo stile sia scorrevole e si arrivi a fine libro senza neanche rendersene conto. 
Il primo quesito che mi sono posta è perché l'autrice abbia inserito continuamente personaggi ubriachi, è vero che in American si fa un uso eccessivo di alcol nei college, ma mettere un capitolo sì e uno no qualcuno che si ubriaca diventa stancante da leggere, nonché noioso, non è di certo l'unico modo in cui si possono creare situazioni inusuali.
I personaggi sono spesso ambigui, l'autrice non fa vedere nella giusta prospettiva e può essere una scelta legata al colpo di scena finale, ma resta il fatto che a volte sembrano vittime altre carnefici, creando una leggera confusione che si risolve nel finale, dove assistiamo ad un colpo di scena che si poteva benissimo evitare e cercare altri espedienti per far trattenere il fiato al lettore e chiudere il libro. Il ritmo incalzante si acquista in vari modi e il troppo stroppia, ormai si sa. 
Inizialmente la mia opinione su questo libro non era così critica, però ho lasciato passare qualche giorno per schiarirmi le idee prima di scrivere la recensione e ho analizzato tutto da un'altra prospettiva, trovando più difetti che pregi. Certamente ho letto di peggio, ma anche di meglio e trovo che la lettura abbia preso una piega poco credibile da metà libro, la parte che mi ha fatto ricredere sull'intera storia. Non mi sento né di consigliarvi né di sconsigliarvi questa lettura, è un libro che considero molto soggettivo, ho letto di persone che lo hanno amato e altre detestato, quindi se vi incuriosisce provate a dare una chance all'anteprima e poi deciderete se continuare o meno la storia. 
Fatemi sapere cosa ne pensate, readers!
Un abbraccio! 

6 commenti:

  1. CIao Jess,
    infatti anch'io ho letto recensioni discordanti su questo libro e sono sempre indecisa se leggerlo o meno. Per adesso ce l'ho in lista ma non credo che lo leggerò a breve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy! Purtroppo è uno di quei libri che si amano o si odiano... oppure si rimane nel dubbio com'è capitato a me xD

      Elimina
  2. Io sono tra quelle che non l'ha apprezzato particolarmente. A parte il fatto che i second chance non mi piacciono, ma il "colpo di scena" finale super trash gli ha dato il colpo di grazia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato proprio il colpo di scena che mi ha fatto rivalutare il libro, assolutamente insensato e trattato male!

      Elimina
  3. Ho provato a vincerlo partecipando a due blogtour, ma evidentemente allora il destino stava provando a dirmi che non fa per me. Sinceramente ero già indecisa, questo è uno di quelli di cui leggo prima recensioni, e infatti... neanche sapevo fosse uno spin-off.
    Mah, per adesso non credo lo leggerò :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, non era destino, fidati xD Poi conoscendoti non credo lo apprezzeresti molto proprio per i capitoli finali...

      Elimina