mercoledì 15 marzo 2017

5 libri diventati film: Your name, Fallen... | Libri vs film

Ciao, avid readers! In queste settimane mi sto facendo delle belle maratone di film e serie tv da recuperare, quindi ho scritto qualche nuovo post di questa rubrica. Tantissimi libri stanno vedendo la luce sul grande schermo e alcuni sono delle vere e proprie scoperte, a volte si conosce prima il film che il libro da cui nasce tutto. 

1. Carol
Il film è basato sul libro Carol di Patricia Highsmith e racconta la storia tra Therese, una ragazza inesperta del mondo con la passione per la fotografia, e Carol, una donna divorziata con una bimba a carico. Sebbene sia una storia molto intensa, non mi ha catturata e probabilmente la colpa è dell'attrice che interpreta Therese, visto ho trovato questo personaggio irritante e non ho visto la chimica che doveva esserci con Carol, interpretata in modo eccelso da Cate Blanchett. 
Purtroppo non è il film che mi sarei aspettata di vedere, mi ha annoiata molto. 

2. Split
Split è un thriller ispirato a Billy Milligan, l'uomo dalle 24 diverse identità a causa del disturbo da personalità multipla. Il film tratto dal romanzo Una stanza piena di gente, biografia di Billy Milligan, uscirà nei prossimi mesi e sarà interpretato da Di Caprio, quindi Split è diverso però ci sono tantissime particolarità della storia di Billy, quindi risulta un ibrido. Vi dirò, James McAvoy è stato fantastico, magistrale interpretazione delle varie personalità, e il film vale tutto anche solo per lui. Comunque è strutturato bene, avrei preferito più approfondimenti sul finale ma ho letto che è stato lasciato uno spiraglio per un possibile sequel. In definitiva non è un thriller che lascia con il fiato sospeso, ma l'ho trovato coinvolgente, il tema della personalità multipla è interessante e quindi l'ho promosso. 

3. Your name 
Ho sentito molto parlare del libro Your name e solo successivamente un amico mi ha detto che il film era appena uscito. Dalla trama mi sono innamorata della storia e non potevo perdermela, ma dato che per il libro devo ancora capire com'è strutturato (il mio amico mi ha detto che lo stile è molto particolare) e quindi leggerlo in un secondo momento, mi sono buttata nella visione del film. Purtroppo non ho trovato la versione italiana e mi sono vista il film in lingua giapponese con i sub, però non mi sono goduta di meno il film che è stato a dir poco emozionante e particolare. La storia è complessa, nei primi minuti ero molto confusa su come avvenisse lo scambio tra i due protagonisti, Mitsuha e Taki, eppure mi sono sentita risucchiata da tutto il contesto e alla fine l'ho adorato dalla prima all'ultima scena. Fortunatamente il titolo è stato mantenuto uguale all'originale e ha un significato ben preciso, è il filo conduttore della storia tra Mitsuha e Taki, quindi importantissimo. Inoltre si rifà alla leggenda del filo rosso del destino, molto conosciuta se si fa riferimento alla cultura giapponese. È assolutamente da vedere e non posso raccontarvi di più, non voglio fare nessuno spoiler data la sua particolarità, va gustato scena dopo scena, quindi il mio consiglio è di non lasciarvelo sfuggire.    

4. 50 shades darker
Qui ci sarebbe da aprire un post apposito per tutto quello che vorrei dire, ma cercherò di essere breve. Non so se ne ho mai accennato nel blog ma non ho apprezzato molto i libri, Anastasia l'ho detestata dall'inizio alla fine perché è remissiva, debole e non mi piacciono mai le protagoniste così caratterizzate, ma tralasciando i libri ero molto curiosa dei film perché ho una passione smodata per Jamie Dornan e quindi non posso perdermi nulla di suo. Non mi perdo in ulteriori chiacchiere e passo subito al punto che è il secondo film, 50 sfumature di nero. Questo è uno dei rari casi in cui apprezzo la versione cinematografica e non i libri, e non si tratta del solito motivo riguardo il BDSM spinto perché, parliamoci chiaro, il bondage della James è molto leggero rispetto a molti altri libri e alla realtà. Nel film si avverte meno il sadismo di Christian, c'è un rapporto più equilibrato tra lui e Anastasia, e Dakota è riuscita a rendere questa protagonista più divertente e più forte di spirito, meno remissiva, inoltre per nostra fortuna non c'è nessun accenno alla famosa dea interiore insopportabile e ripetuta una pagina sì e l'altra pure. Il film l'ho trovato divertente, so che è una cosa strana da dire perché non un humor, ma vi giuro che oltre alle risate per qualche battuta di Ana mi è uscita una risata dopo l'altra per varie scene e a fine film l'umore è alle stelle (sommando le due scene in croce in cui vediamo Jamie dare il meglio di sé, compreso l'allenamento). In definitiva è molto meglio di ciò che mi aspettavo e se volete farvi qualche risata con questo film sono assicurate. Il che non vuole essere una critica a chi piace o chi ama i libri, sia chiaro, lo dico con tutto il rispetto possibile per i gusti altrui.     

5. Fallen
Non sono una grande fan dei libri, mi manca ancora l'ultimo da leggere da molti anni e non mi è mai venuta la voglia di riprendere in mano la serie, quindi non avevo grandi aspettative per il film, soprattutto dopo il trailer che in pratica in due minuti ha fatto vedere ogni scena. Sinceramente il film non è stato granché, hanno tralasciato molte cose e chi non ha letto il primo libro penso che alcuni pezzi di trama non riesca neanche a collegarle. Inoltre ci sono state alcune copiature di Twilight, hanno cercato di ricreare un successo simile ma stravolgendo la storia di base. Certo, è un film che si fa vedere, ma abbastanza noioso e sicuramente rivolto a un target giovane. In definitiva non è uno dei primi film che vi consiglierei di vedere.

Voi avete visto qualcuno di questi film? Cosa ne pensate? 
A presto, readers!   




7 commenti:

  1. ciao Jess! Io ho visto e letto cinquanta sfumature di nero e meglio il libro sicuramente, mentre nei prossimi tempi vorrei leggere e vedere fallen. Per gli altri non penso di leggere i libri mentre split sarà un film da vedere.:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente ti consiglio di leggere prima i libri della Saga di Fallen, che sono bellissimi. Il film lasciamo perdere va...

      Elimina
    2. Ciao Saya! Fallen è una serie che purtroppo non è riuscita ad appassionarmi, sopratutto ora non me la sento di riprenderla perché ultimamente sto leggendo pochi young adult fantasy. Il film è stato deludente e lo posso dire da non fan, quindi posso immaginare il rammarico di chi lo ha atteso molto! Split ha interpretazioni eccellenti, è da vedere :)

      Elimina
  2. Ciao Jess,
    non conosco tutti i libri che hai citato tranne gli ultimi due che sinceramente sono poco ansiosa di vedere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy! Your name merita se ti piace il genere :)

      Elimina
  3. Anche io ho parecchi film da recuperare, veramente anche serie tv. Tra poco mi ci metterò, ma negli ultimi mesi oltre le serie che già seguo, sto recuperando tutto Naruto con i sub, quindi ancora parecchi film non li ho visti XD
    Si, è vero, molte volte grazie ai film scopriamo titoli di libri che non avevamo mai sentito. Però, il film deve essere fatto bene, perché potrebbe fare l'effetto contrario e rischiare di non far venire voglia di prendere il libro :/
    "Split" sono curiosa anche io di vederlo, quindi presto lo guarderò.
    "Your name" mi ispira anche a me, quindi di sicuro lo guarderò. A me piace come lingua il giapponese e ormai ci ho fatto l'abitudine guardando Naruto in lingua con i sub ita e anche altri anime.
    Guarda, non apriamo il discorso sul film di "Fallen", perché sono ancora incazzata. A me il libri piacciono moltissimo, li adoro, anche se il finale di "Rapture" l'avrei voluto leggermente diverso.
    Comunque, i libri sono bellissimi e ti consiglio di finirla come saga, ma va a gusti. Il film, per carità, sarà guardabile, ma da una volta e basta. Non ci azzecca nulla con il libro, non hanno messo nulla del libro, se non due o tre cose messe male e con una marea di spoiler degli altri libri. Per me possono anche non fare il seguito. 5 anni ad aspettarlo e poi sta roba, mah. Mi chiedo anche io cosa hanno capito quelli che non hanno letto i libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah abbiamo tanti recuperi xD io non sono abituata al sottofondo di lingua giapponese, di solito mi butto sempre sull'inglese così non ho bisogno di continuare a guardare i sottotitoli che a volte diventa fastidioso. Comunque Your name merita davvero!
      Fallen è stata una grande delusione, mentre i libri non li ho più ripresi perché obiettivamente non sono mai riusciti a coinvolgermi e ora non me la sento proprio di riprendere l'ultimo.

      Elimina