giovedì 17 novembre 2016

Review La prima volta per sempre di Sarah Morgan

Buonasera, avid readers! È da poco uscito il terzo libro di questa serie e solo recentemente ho letto il primo di Puffin Island, che spiana il terreno per le successive due storie. L'autrice è già molto conosciuta e ho avuto modo di leggere altri suoi libri, ma La prima volta per sempre non mi ha convinta del tutto.  

Serie: Puffin Island
0.5 Playing by the greek's rules
1. La prima volta per sempre
2. Qualcosa di meraviglioso
3. Natale a Puffin Island
Editore: HarperCollinsItalia
Genere: Contemporary romance

È un'estate di prime volte per Emily Donovan. Nel momento in cui mette piede sul traghetto che la porterà a Puffin Island insieme alla nipotina di cui ora si deve prendere cura, le è ben chiaro in mente che niente sarà più come prima e che la sua vita sta per cambiare drasticamente. Come potrà tenere al sicuro una creatura così fragile e indifesa come la piccola Lizzy? E come riuscirà a convivere con il panico irrazionale che l'assale di fronte all'oceano su un lembo di terra che ne è completamente circondato? Eppure, inspiegabilmente, l'isola comincia a operare la sua magia ed Emily, respiro dopo respiro, riscopre sicurezza, fiducia e serenità. E un uomo che le fa battere forte il cuore.
A Ryan Cooper basta un solo sguardo per capire che la nuova arrivata nasconde più di un segreto in quegli occhi bellissimi e guardinghi, e meno ancora per riconoscere che l'alchimia tra lui ed Emily è fortissima. E pericolosa. Eppure il carismatico proprietario del locale yacht club sa di non avere scelta. Negare l'attrazione tra di loro è solo una perdita di tempo. Meglio abbandonarsi alla corrente di desiderio e vedere dove li porterà.


Ho sentito molto parlare di Puffin Island, la Morgan è un'autrice già molto conosciuta ed ero molto curiosa di leggere questa trilogia. Devo dire che in parte era proprio come me l'aspettavo, una lettura leggera, romantica, ma d'altro canto non va neanche oltre quella semplice soglia di libro carino. 
La storia che viene presentata narra di Emily, una donna che si ritrova alle prese con l'affidamento della nipotina e una nuova vita da costruire intorno a questa bimba. Inizia un percorso di crescita, di rinascita e tutto grazie alla nuova responsabilità che si ritrova ad affrontare. Non è mai sola, ci sono tanti personaggi secondari e un protagonista maschile molto presente, Ryan. Gran parte del libro è incentrato sulle paure che Emily deve affrontare, sia per quanto riguarda la nipote che fobie più radicate nella sua infanzia, e come da contorno troviamo la sua relazione con Ryan che ha subito un forte attaccamento nei confronti di Emily e della bambina. La relazione tra Emily e Ryan procede gradualmente, sicuramente Ryan entra subito a far parte delle loro vite e fa sentire la sua presenza, ma il rapporto ha una lenta evoluzione e purtroppo non ho sentito un grande trasporto per la storia. 
Per tutto il libro ho avuto la sensazione che mancasse qualcosa, ci voleva un colpo di scena per attirare l'attenzione, un evento inaspettato per movimentare la narrazione che risulta un po' piatta e senza aspettative ulteriori. Non posso dire sia stata una lettura spiacevole o noiosa, ma non è neanche uno di quei romance dove i protagonisti piantano sede stabile nella mente e ti lascia un sorriso sulle labbra a fine lettura. 
Per tutto il tempo la mia curiosità maggiore era per i personaggi, amici di Emily e Ryan, che saranno i protagonisti dei successivi due libri. Loro hanno qualcosa da raccontare, viene voglia di saltare direttamente ai prossimi per sapere la storia del pilota Zac e l'archeologa Brittany, oppure dello storico e famoso Alec e della disegnatrice di gioielli Skylar. Sono proprio il punto di forza che ho trovato nel libro, la voglia di continuare la serie per questi personaggi misteriosi e che hanno una storia da farci scoprire. 
Un altro punto a sfavore di questa lettura è la revisione, ci sono molti errori ricorrenti e sono fastidiosi, benché non si tratti di una traduzione completamente errata, si nota che la revisione finale è stata affrettata e gli errori sono semplicemente grossolani, per farvi un esempio: "...dare troppo dell'occhio.", "Poi, non paga, inarcò la schiena...". Purtroppo non sono gli unici errori che ho incontrato ed è un peccato perché ancora una volta la lettura in parte ne risente, o almeno per me è così perché quando noto gli errori distolgo l'attenzione dalla lettura visto che mentalmente mi viene da correggerli ed è qualcosa che penso capiti un po' a tutti noi. 
In definitiva non posso dire sia stato un libro pessimo o illeggibile, però sicuramente mancava quel qualcosa in più per farlo diventare più coinvolgente e appassionante, quindi lo consiglio solo ai lettori che appassionati del genere sanno che una lettura simile può interessare e piacere. 
Voi cosa ne pensate, readers? Avete letto la serie, conoscete l'autrice?
Buona serata!       

14 commenti:

  1. Credo che questa sarà una lettura che dedicherò ad altri periodi. Anche se rimando e rimando ancora....in pratica non lo leggerò mai! :p

    RispondiElimina
  2. Ciao Jess,
    non so perchè ma questo libro mi convince davvero poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy, capisco le tue perplessità! Spero che i prossimi volumi siano migliori!

      Elimina
  3. Che bello, lessi tutto d'un fiato questo romanzo ed ora mi manca solo Natale a Puffin Island. ♥.♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il terzo è quello che mi ispira più di tutti *-*

      Elimina
  4. Purtroppo della Morgan io ho letto solo un libro dell'altra sua serie, ma non è riuscita a coinvolgermi benchè lo stile non fosse male o la storia brutta Y.Y Forse semplicemente non fa per me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo, Rosa, anche a me succede con alcune autrici :/

      Elimina
  5. La tua recensione è il motivo per cui non ho mai preso in considerazione questa serie. Non fa per me. Per quanto riguarda gli errori ultimamente ne sto trovando proprio tanti nei libri della Harper >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tortura, gli errori distraggono >.< Perché non fare una revisione come si deve?!

      Elimina
  6. Già la trama non mi ispirava, quindi... mmm non credo lo aggiungerò alla lista...

    RispondiElimina
  7. Mi spiace che il libro non si sia rivelato all'altezza delle tue aspettative (e sulla revisione non commento neanche, se non per dire che è sempre una cosa odiosissima). Non ho mai letto niente di questa autrice. Non escludo di farlo, prima o poi, perché a fasi alterne mi ispira, ma comunque sarà con molta calma :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ultimamente mi capitano abbastanza libri revisionati male ç.ç

      Elimina