martedì 28 aprile 2015

Review Shadow. La terra delle anime perse di Sarah Fine

Buonasera, avid readers! Stasera vi propongo la recensione di un Urban Fantasy un po' diverso dalle ultime serie lette. Siete pronti a scendere all'Inferno?


Serie: Guards of the Shadowlans
1. Shadow. La terra delle anime perse
1.1. 
2. Fractured
2.5. Vigilante: a guard's tale from Ana's prospective
3. Chaos
3.1 Stories from the Shadowlands
Editore: Mondadori
Genere: Urban fantasy

Due amiche: Lela, diciassette anni e già un passato tormentato alle spalle, e Nadia che invece sembra avere avuto tutto. Così diverse eppure inseparabili tanto che quando Nadia misteriosamente si toglie la vita, Lela non può lasciarla andare. A costo di rinunciare alla propria anima deve riportare indietro Nadia, imprigionata all'inferno. Decide così di compiere il viaggio più difficile, di abbandonare il mondo terreno e scendere nella città delle tenebre: il regno del terrore e dell'oscurità infestato da creature demoniache e mostruose. Proprio quando il male sembra averla risucchiata, al suo fianco compare Malachi, il capitano delle guardie, sentinella delle anime perse. Una creatura buia come la notte ma dall'animo di fuoco, dalla bellezza penetrante e pericolosa. Capace di emanare sicurezza e incutere timore. Un alleato deciso a difenderla nel viaggio nella notte più profonda. Un guerriero destinato a cambiare il suo destino. Innamorarsi all'inferno è pericoloso...

Questo libro mi ispirava principalmente per la trama e l'idea di una storia ambientata interamente all'Inferno... non me ne sono pentita! 
Il libro si apre con Lela che arriva in una nuova scuola, dopo l'ennesimo cambio di famiglia affidataria, e stringe amicizia con Nadia. Lela trova molto conforto in quest'amicizia e la sprona a pensare al suo futuro, al college e per la prima volta a condividere queste esperienze con una vera amica. Nadia appare come una ragazza allegra, ottimista, ma è palese fin da subito che c'è qualcosa che non va in lei e il giorno in cui si suicida, Lela non riesce a darsi pace per non aver capito i suoi problemi e averla aiutata in tempo. Per questo cerca un contatto con Nadia e arrivano delle visioni che le mostrano dove si trova la sua amica: ai cancelli dei suicidi. Uno sfortunato incidente fanno sì che Lela si ritrovi dall'altra parte e decide di entrare all'Inferno per portare in salvo Nadia, ma capisce subito che è più difficile di quel che sembra. In suo aiuto accorre Malachi, un personaggio che ho amato fin da subito. 
Sia Malachi che Lela si portano sulle spalle il loro bagaglio bello pesante, due storie differenti ma ugualmente dolorose. Si capiscono al volo e il loro rapporto diventa profondo nello spazio di pochi giorni. Malachi cerca in ogni modo di proteggere Lela da quel mondo e decide anche di aiutarla nell'impresa quasi impossibile che si è imposta: ritrovare Nadia e portarla fuori dai cancelli. 
Lela e Malachi sono davvero perfetti insieme, perché riescono a capire l'uno il dolore dell'altro e sentono l'esigenza di alleviarlo. Malachi vede in lei una speranza, una persona forte e altruista, qualcuno con delle caratteristiche che da molto decenni non incontrava e ne rimane subito affascinato. Per Lela è diverso, è restia a fidarsi delle persone, in particolare al contatto con loro, soprattutto se uomini, eppure con Malachi sente di potersi finalmente aprire e avverte l'esigenza di avere un contatto fisico con lui, toccarlo senza avere paura, fidarsi senza temere di aver fatto un grande sbaglio. 
Ho trovato la loro intesa bellissima, mi è piaciuto il modo in cui interagiscono e la maturità dei loro personaggi, benché sotto molti punti di vista sono giovani, hanno subito ben più di altri con il triplo dei loro anni e questo traspare dai loro pensieri. 
E ho amato il finale! Penso sia la prima volta che mi capita di pensare sia un finale perfetto, nonostante sia una trilogia e siamo solo al primo libro, ma davvero, mi è piaciuto molto e se qualcuno non ha intenzione di iniziare una serie per tutti i libri che seguono, vi assicuro che anche come libro autoconclusivo non vi lascia con l'amaro in bocca! Certo, è ovvio che sapendo che ci saranno dei seguiti, non si può lasciare da parte la trilogia, perché vorrete ancora sapere della vita di Lela e Malachi! 
Assolutamente libro consigliatissimo per gli amanti del genere! Se volete un urban fantasy un po' diverso, con una protagonista temeraria e con grande forza di volontà e un co-protagonista che rispecchia le stesse qualità, avete tra le mani il titolo giusto! Non lasciatevelo scappare! 
Chi di voi l'ha già letto? Vi incuriosisce? 
A presto, readers!

Nessun commento:

Posta un commento