giovedì 14 settembre 2017

L' Amore malato: perché questo tema sta spopolando? | Thorny Bloggers

Ciao, avid readers! Apro questo settembre con una nuova rubrica ideata da La lettrice in soffitta che ha proposto di iniziare delle discussioni letterarie su vari temi, coinvolgendo sei blog. La scelta di questo mese è l'amore malato, un tema scottante negli ultimi tempi e molto soggettivo.  


Innanzitutto voglio dirvi cos'è per me questo tanto discusso amore malato e sicuramente ognuno di noi lo intende in modo molto diverso, quindi aspetto anche il vostro punto di vista. Quando penso a questo lato dell'amore le prime associazioni che faccio sono la mancanza di personalità di uno dei protagonisti, la violenza psichica o, in casi più gravi, fisica e l'annullamento completo di un protagonista, solitamente la parte femminile. Questo per me è il punto di inizio, la definizione più breve che posso dare in riferimento ai romance e le varie sottocategorie lette. Purtroppo negli ultimi anni se ne sono viste tantissime di serie che ricoprono ampiamente tutti i punti che vi ho appena elencato, possiamo partire da una delle più grandi serie new adult degli ultimi tempi, il successone delle ultime estati, ovvero After.
After incarna perfettamente tutto ciò che penso sia sbagliato in un libro, un protagonista che ama in modo completamente sbagliato e malsano, una protagonista che sa solo piangere, perdonare e farsi schiacciare da una personalità più forte. Partendo dal presupposto che ognuno ha un carattere a sé, più debole o più forte, annullarsi per amore è la prima cosa sbagliata che si può leggere in un libro. Promuovere personalità e indipendenza è ciò che più bisognerebbe fare nei romance, soprattutto visto l'ampio target d'età che ricopre. 
Solitamente le dinamiche sono sempre le solite, la parte femminile è sempre la più debole, la personalità fragile che deve trovare la sua strada e si affida completamente nelle mani di un ragazzo, trovando così il suo scopo nella vita e decidendo di basare ogni propria scelta in base alla sua metà. Intervengono anche altri fattori come la pressione psicologica che non penso sia l'intenzione dell'autore mentre scrive di un rapporto così intricato, ma questo è il risultato che arriva a noi. 
Molto spesso mi capita di interrogarmi su cosa attira così tanti lettori, quale ingrediente della storia ispira così tanto da far sognare e invogliare la lettura di altri libri, e la mia conclusione è stata che ognuno di noi desidera un amore passionale, adoriamo il modo in cui un protagonista attira l'attenzione, cambia le regole del gioco e ama, dimenticandoci però che l'amore per essere passionale non ha bisogno di crudeltà né di diventare un sentimento stravolto e portato alla nostra attenzione in modo sbagliato. 
Mi spaventa che una ragazzina molto giovane prenda come esempio il comportamento di un protagonista maschile con caratteristiche così pessime, e se pensate che stia esagerando vi assicuro che fino a poco tempo fa lo avrei detto io stessa, ma dopo aver letto in giro per il web brevi storie di ragazzine dove descrivevano rapporti violenti, ho realmente capito quanto la violenza psichica e fisica sia sottovalutata nelle storie che leggiamo e si usi la solita scusa che semplicemente si tratta di un libro. Per leggere una storia d'amore travolgente non c'è bisogno di un amore malato per ravvivare il tutto, non c'è bisogno di un protagonista maschile che demolisce e rende priva di autonomia la sua lei. Non scuso la violenza in un libro, non perdono la mancanza di carattere e quest'ultima è una delle ragioni principali per cui solitamente demolisco un romance. Uno degli ultimi esempi è proprio Aspettami fino all'ultima pagina dove la protagonista non ha avuto un briciolo di amor proprio, cambiando se stessa per un amore finto e convincendosi di fare sempre la cosa giusta pur di ricevere un briciolo di amore. Allora forse il problema di base è che prima bisogna amare se stessi per poter amare qualcun altro, cosa che solitamente viene completamente ignorata in un romance, infatti se ci pensiamo attentamente quando leggiamo un amore insano quasi sempre la protagonista è insicura, ha poca fiducia in se stessa e nei suoi pregi, diventando così la vittima perfetta per un rapporto errato. 
Questo tipo di amore è più frequente nei dark romance, dove la vittima si innamora sempre del suo carnefice e la violenza è quasi sempre il contorno che fa da padrone a questo genere. Una dinamica frequente la troviamo anche negli erotic romance con sottogenere BDSM, di fondo il tema rimane lo stesso seppur trattato in modo diverso, come ad esempio la trilogia di 50 sfumature di grigio, The boss e tutte le altre serie simili. Non leggo dark romance e dopo una bruttissima esperienza di lettura ho deciso che decisamente non è il mio genere, quindi ora generalizzo ma so che esistono alcuni libri facenti parte di questa categoria che non sono così estremizzati, esattamente come nei romance. In questo post ovviamente vi ho riportato casi più estremi e differenti tra loro, perché un amore malato non è sempre violenza ma anche l'annullamento della persona, la dipendenza da qualcuno. Posso comprendere i libri che vogliono lanciare un messaggio trattando i lati più oscuri dell'amore, ma se si tratta di un semplice romance che non ha nessun fine, mi chiedo come possa entusiasmare un libro dove la donna è maltrattata, è usata ripetutamente la violenza e il finale è sempre e comunque perfetto, la protagonista scorda ogni cosa e si butta tra le braccia del suo carnefice

Ci sono così tante sfaccettature che sarebbero da analizzare una ad una e sono certa ne uscirebbero molti più post che uno singolo, quindi posso dire di aver dato solo una breve infarinatura all'argomento e spero di essere stata il più chiara possibile, ma soprattutto di non aver offeso nessuno con il mio punto di vista. Ogni parere è soggettivo, ognuno di noi interpreta un libro a modo proprio, ciò che per me è imperdonabile potrà non esserlo per altri lettori e lo comprendo, infatti il mio non vuole essere un attacco a chi ama il tema ma solo aprire una discussione pacifica per confrontarci e capire cosa essenzialmente attira così tanto di questi libri che stanno spopolando, perché si diventa ossessionati da una determinata serie dove di fondo il tema rimane sempre lo stesso e l'amore viene sempre espresso in modo contorto e insano. 

Blog partecipanti: La lettrice in soffitta, I miei magici mondi, Il tempo dei libri, Milioni di particelle, Anima in penna. Correte da loro per leggere un altro punto di vista!

Cosa ne pensate, readers? Ci sono libri che avete detestato per il comportamento di un protagonista o un amore insano? 
A presto! 

16 commenti:

  1. Ciao Jess, non ho letto After, ma ho sentito molti pareri simili al tuo! Io cerco di tenermi alla larga da questo genere di letture, perchè non mi piace il modo in cui viene espresso il sentimento dell'amore. A tal proposito però mi hai fatto ricordare un romanzo che ai lettori è piaciuto tantissimo ma che a me ha deluso molto, proprio per il modo in cui la protagonista si umilia davanti a quello che poi diventerà il suo ragazzo, che è "Trent'anni e li dimostro"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ariel anche a me non è piaciuto per niente trent'anni e li dimostro. non capisco proprio il perché la protagonista debab umiliarsi così...

      Elimina
    2. Ciao Ariel! Ultimamente anch'io mi tengo alla larga da queste letture e sto evitando tante delusioni!
      Non ho mai letto il romanzo di cui parlate, ragazze, ma se la protagonista si comporta in quel modo non è proprio il libro che fa per me xD Detesto la mancanza di carattere!

      Elimina
  2. Ciao Jess,
    anch'io ho nominato After perchè è il primo esempio che mi è venuto in mente quando abbiamo deciso di parlare di questo tema.
    Condivido tantissimo il tuo punto di vista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy! Sono pessima, devo ancora passare dal tuo blog, ma lo farò molto presto! After credo proprio sia l'esempio più lampante degli ultimi tempi, soprattutto visto il suo successo.

      Elimina
  3. In questi discorsi tendo a tener fuori il genere dark perché è un tema a se stante, non fa testo su questi argomenti perché è volutamente irrazionale.
    Per tutto il resto, mi trovi d'accordo.
    After non l'ho letto, ma ci sono un sacco di libri ultimamente con protagoniste zerbino e non mi piacciono. È vero che per amore si è disposti a far tutto, ma annullarsi completamente è una cosa che non concepisco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sei persa nulla con After, ma in effetti ce ne sono molti altri che hanno caratteristiche simili. Non posso sopportare questi comportamenti dei personaggi, rovinano un libro che forse, con altri protagonisti, potrebbe essere anche una lettura piacevole.

      Elimina
  4. Totalmente d'accordo con te su tutto Jess!

    RispondiElimina
  5. ciao Jess, mi trovi d'accordo anche se mi accodo a Ink per il parere sul genere dark, è un tema diverso. Per il resto non ho letto after e tendenzialmente mi tengo alla larga da questo genere. ho letto cinquanta sfumature di grigio e di nero e ho una fortissima voglia di abbandonare la serie XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saya! Il dark è sicuramente un sottogenere diverso ma facente sempre parte della stessa categoria, quindi trovo che sebbene sia molto particolare abbia delle caratteristiche che in ogni caso non trovo per nulla piacevoli da leggere ç.ç
      Ahah devi leggere l'ultimo?

      Elimina
  6. Ciao Jess! Bellissima riflessione, che condivido in pieno.
    Secondo me l'elemento "annullamento della personalità" fa proprio leva sulle adolescenti perché esse sentono le protagoniste come in parte simili a se stesse, con le loro insicurezze ed il loro bisogno di essere amate.
    Bisognerebbe far capire alle ragazze che questa è una FASE, un punto di partenza dell'adolescenza che va superato: diventare adulte significa proprio trovare la propria personalità e delle sicurezze del tutto individuali.
    L'elemento "amore a tutti i costi", invece, purtroppo, credo che attiri tante mie coetanee...più ci allontaniamo dai 20 e ci allontaniamo ai 30 ci sembra di sentirci pressate dalla società ad avere un compagno, e magari pure una famiglia al più presto, e questo può portare alcune di noi a cadere tra le braccia del primo che capita, così, anche se non è quello giusto, o perché magari, pur essendo una persona di merda, è ricco ed ha una posizione sociale stabile (50 sfumature docet).

    Purtroppo Christian Grey e soprattutto Hardin Scott hanno fatto scuola anche su Wattpad, con tante (troppe) storie scritte anche da ragazze minorenni. Alla luce dei recentissimi fatti di cronaca, credo che sia proprio necessario parlare di più di questo tema.
    Scusa il papiro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa... ho sbagliato a scrivere! La frase giusta è "Più ci allontaniamo dai 20 e ci AVVICINIAMO ai 30..." e, come direbbe Freud: questa si chiama NEGAZIONE!!

      Elimina
    2. Ciao Silvia! Grazie mille <3
      Sì, concordo con te, sicuramente fa più leva su un target molto giovane, ma proprio come dici tu riesce a comprendere fasce d'età più alte. La tua analisi la condivido in pieno, i libri servono a far sognare ma non si deve mai perdere il contatto con la realtà di fronte a simili caratteristiche di trama e personaggi.
      Wattpad penso che per una grande percentuale sia stata la rovina del genere romance, ormai esce di tutto da quel sito e ogni cosa viene pubblicata quando potrebbe benissimo rimanere lì...
      Figurati, mi ha fatto molto piacere leggere il tuo punto di vista!

      Elimina
  7. Fin dalle prime righe di questo post, mi sono ritrovata d'accordo con te. Odio queste protagoniste così. Odio il fatto che scrivono che sempre e solo le donne si riducono in questo modo. Anche gli uomini si riducono in questo modo per "amore", lo metto tra le virgolette appunto perché è un amore malsano. Sono più rari, ma ci sono. Mentre secondo certi libri, secondo certi autori o autrici, il sesso debole è sempre quello femminile, cosa che mi manda in bestia. Non sopporto chi si annulla completamente per un uomo, o per una donna. L'amore non dovrebbe essere questo. E penso sia un messaggio molto sbagliato quello che alcuni titoli fanno passare. La cosa più grave a mio parere, è vedere quanto siano amati questi libri. Non voglio creare discussioni con chiunque possa leggere il mio commento, ma questo è il mio pensiero. Penso sia grave trovare adolescenti che amano questi titoli, che si ritrovano nelle protagoniste, che sognano una storia del genere e alcune si ritrovano a cercarle nella vita vera storie così. Dovrebbero scrivere e pubblicare più storie con donne forti, indipendenti e con ruoli dove molti pensano che solo un uomo ce la può fare e dimostrare che anche una donna può invece.
    La colpa prima di tutto è delle case editrici che decidono di pubblicare e tradurre e pubblicizzare quei titoli e non altri che meriterebbero.
    "After" non intendo leggerlo e ti ringrazio per la preziosa recensione nei mesi scorsi. Perché? Di "Paper Princess"? Ne ho lette di cotte e di crude, anche una recensione ben dettagliata su un blog che guarda, sono rimasta allibita, eppure c'è gente che lo ama alla follia e offende chi osa dire il contrario. Chi osa criticarlo. Ma ci rendiamo conto?
    Io sinceramente non riesco a capire i motivi per cui certi lettori amano questi titoli, forse tu hai capito qualche motivazione, ma io no. Non ci riesco. Sono storie ed esempi sbagliati. Molto sbagliati.
    Ma finché le case editrici tendono a censurare storie omosessuali, ma a pubblicare queste, di cosa ci meravigliamo?
    Aaaah Jess, l'odio quando mi sento rispondere: "E' solo un libro. Serve solo per passare il tempo". L'odio che mi sale che neanche ti immagini. Assurdo, che ragionamento è?
    Un libro è molto di più. Certo, uno legger per passione, per amore verso la lettura, per passare il tempo, per viaggiare in altri mondi, ma anche per apprendere cose nuove. La lettura è importante, a mio parere la lettura riesce a farti vedere i vari lati delle cose, delle situazioni. Ti fa capire che non tutte le situazioni sono uguali allo stesso modo. A non giudicare subito. A vedere la situazione dai diversi punti di vista.
    Quindi serve che un libro, oltre a raccontare una bella storia, che dia un insegnamento giusto.
    "Posso comprendere i libri che vogliono lanciare un messaggio trattando i lati più oscuri dell'amore, ma se si tratta di un semplice romance che non ha nessun fine, mi chiedo come possa entusiasmare un libro dove la donna è maltrattata, è usata ripetutamente la violenza e il finale è sempre e comunque perfetto, la protagonista scorda ogni cosa e si butta tra le braccia del suo carnefice. "
    Già, concordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa tipologia di "amore" va moltissimo ormai, penso proprio sia un insieme di fattori che portano a diventarne ossessionati. L'annullamento della personalità è quanto di più sbagliato si possa mettere in un libro. Comprendo quando si vuole mandare un messaggio, raccontare qualcosa che ha delle fondamenta, ma non in questi casi.
      Riguardo Paper Princess io la penso un po' diversamente rispetto ad After e presto ne parlerò sul blog.
      Un libro riesce a dare molto, riesce a trasmettere molto, oltre alle emozioni ci sono insegnamenti che possiamo apprendere, può farci aprire gli occhi su tante realtà. Non dico che ogni libro debba darlo, mi fa piacere leggere anche storie molto leggere giusto per staccare la spina, ma sono contro i libri che trasmettono qualcosa di malsano facendolo passare come qualcosa di normale.

      Elimina