mercoledì 4 gennaio 2017

Review Se il nostro amore non basta di Jenny Anastan

Ciao, avid readers! Dopo alcune settimane finalmente riesco a postare una recensione! Se il nostro amore non basta è stata la mia prima lettura dell'anno e posso dire di aver iniziato alla grande, infatti questo libro non solo mi è piaciuto, l'ho adorato! 

Editore: AmazonPublishing
Genere: Contemporary romance

Serena e Stefano si amano da sempre, sin da bambini. Con Stefano Serena non ha scoperto solo l’amore, ma anche la passione, la felicità, e il matrimonio è il coronamento di tutti i suoi sogni. Tutto potrebbe essere perfetto se potessero avere un bambino. La vita però ha piani diversi per loro: dopo tre gravidanze infruttuose, il sogno di entrambi si infrange. Nella loro esistenza felice e realizzata si insinuano il silenzio, la sofferenza e la freddezza. E anche la menzogna.
Serena decide così di allontanarsi da una situazione ormai insostenibile e organizza un viaggio da sola negli Stati Uniti, una vacanza “on the road” sulla Route 66. È la vacanza che ha sempre sognato, di cui tanto ha letto, ma che lei e Stefano non hanno mai fatto. Arrivata a Chicago, però, l’attende una sorpresa: il marito è lì ad aspettarla, pronto ad arrivare con lei fino a Santa Monica, al termine della mitica Route, e a provare a fare insieme un viaggio tra paesaggi immensi e meravigliosi che potrebbe rimettere insieme i cocci delle loro vite spezzate. Perché se l’amore non basta più, forse bisogna metterci l’anima.

Jenny Anastan non è un'autrice nuova per me, ho già letto qualche suo libro ma questa storia è rientrata subito tra le mie preferite. Ci sono così tante cose che voglio dirvi su questo libro che cercherò di andare con ordine, non fare spoiler (come sempre) e non scrivere un romanzo al posto di una recensione. 
Il libro si apre con la crisi coniugale di Serena e Stefano, per una volta non ci troviamo di fronte a dei protagonisti che devono imparare a conoscersi e amarsi, Serena e Stefano hanno già il loro amore, profondo e totalizzante, che però ha subito un arresto: il loro rapporto non funziona più. Il fattore scatenante è qualcosa che un po' tutti diamo per scontato, e da lì l'allontanamento tra loro è stata la conseguenza immediata dovuta anche al profondo dolore che stavano provando. Il loro amore è qualcosa che mi ha colpita fin da subito, il loro trasporto e quello che li ha sempre uniti non è scomparso, però è sommerso da colpe e segreti. Quando un matrimonio inizia a incrinarsi non è semplice ritrovare la strada giusta insieme ed è per questo la storia mi ha catturata fin dalle prime righe.  
Se si prova un dolore così grande, talmente forte che si può quasi toccare, significa che l'amore è ancora lì da qualche parte, chiuso in un compartimento sigillato che solo la forza e la determinazione possono riuscire a riaprire. 
Serena e Stefano iniziano un viaggio fantastico, la Route 66 è il sogno di tanti viaggiatori ed è descritta benissimo, si nota che l'autrice c'è stata ed è come se raccontasse in prima persona le meraviglie che offre la Route. Per i protagonisti questo viaggio on the road significa molto di più, è la prova di quel che è rimasto del loro matrimonio, di cosa possono salvare e se il loro amore basterà a far superare loro tutto ciò che hanno passato negli ultimi mesi. 
La vita è come una corsa veloce, non cambiare macchina per una gomma a terra. Sistemala e vai avanti. 

È facile immedesimarsi, viaggiare per tutto il libro in compagnia di Serena e Stefano, tifare per il loro amore, è semplice affezionarsi alla loro storia e lasciarli a fine libro è difficile. Volevo non finisse mai, mi sarebbero bastati anche capitoli sulla loro quotidianità e sul loro passato, purché continuassi a leggere di loro! Quando questo mi capita capisco perfettamente che il libro mi ha coinvolta, mi ha fatto provare delle emozioni e non tutti i libri riescono a farmi sentire una morsa allo stomaco ogni volta che i personaggi dovevano fare un passo avanti per ricostruire il loro rapporto. 
Amo i libri ambientati durante i viaggi on the road, mi fanno sempre provare qualcosa in più e  sognare ad occhi aperti tutti quei posti incredibili descritti, ma se ci aggiungiamo una storia d'amore appassionante trovo il mio connubio perfetto. 
Ho tifato per Serena sin dal primo momento, è una protagonista forte e determinata, comprende i suoi sbagli e cerca di fare ammenda; Serena è un personaggio reale, un'amica che abbiamo, ed ama in modo totalizzante. Mi sono piaciuti i flashback e i racconti di cosa ha sempre provato per Stefano, sono stati una breve full immersion negli anni adolescenziali dove si incontra il primo amore e si rimane segnati. 
Perché la vita è così.
Non facile.
Non giusta. 
Solo vita. 

Sarò ripetitiva e non posso fare a meno di ribadirlo nuovamente: quello che più mi è piaciuto del libro è la prospettiva differente, una chiave di lettura romantica diversa, non abbiamo di fronte nessun amore acerbo, appena sbocciato, qui abbiamo un amore maturo che ha bisogno di una nuova energia e durante questo viaggio i nostri compagni di avventura sono due personaggi con caratteristiche autentiche, difetti, ed errori commessi che possono essere rimediati, perché se è amore vero non è mai troppo tardi per fare un passo indietro e iniziare da capo. 
Trama coinvolgente, scrittura scorrevole, la Route 66 che regala sempre tante emozioni, personaggi talmente veri da comprenderli perfettamente... Cosa posso fare se non consigliarvi questa lettura?! Ho inaugurato questo 2017 con un libro che ricorderò a lungo, quindi amanti del romance non fatevi sfuggire Se il nostro amore non basta, questa storia merita sotto ogni punto di vista!
Cosa ne pensate, readers? 
Un abbraccio! 

4 commenti:

  1. Avevo letto la trama del libro appena era uscito però ero un po indecisa ma questa tua splendida recensione mi ha fatto cambiare idea. Mi piace l'idea del viaggio e dei flashblack anche perchè si approfondisce il legame dei protagonisti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, Jessi, sono quelle parti della storia che danno una visione d'insieme dei personaggi. Poi quando c'è di meglio un viaggio è ancora meglio *^*

      Elimina
  2. Ciao Jess,
    è bello inziare l'anno con un libro che ci entusiasma. L'ho fatto anch'io ed è stato molto bello.
    Riguardo questo libro in particolare devo dire che sono ancora un pò indecisa, dopo la tua bella recensione però magari ci farò un pensierino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Susy! Speriamo in tante letture belle, sicuramente abbiamo iniziato bene! Susy, è una storia davvero coinvolgente, secondo me potrebbe piacerti 😊

      Elimina